Parodontite e malattie sistemiche

malattie sistemiche
infiammazione cavo orale

Attuali studi clinici hanno dimostrato il miglioramento dell'infiammazione sistemica a seguito di una terapia parodontale non chirurgica. Questo dato può è la conferma che la parodontite può aumentare il carico infiammatorio sistemico contribuendo alla patogenesi di malattie croniche quali, come ad esempio l'aterosclerosi.

    Complicanze ostetriche

    Le malattie parodontali sono aumentano la possibilità di nascita di bambini prematuri o sottopeso.
    
Processi infiammatori acuti della madre, anche lontani dal tratto genito-urinario, possono essere la causa di problematiche.

    Esistono due ipotesi sperimentali che supportano questa tesi:

    • 
Le donne con parodontite siano soggette a frequenti batteriemie. I batteri attivano una cascata di processi infiammatori a livello della placenta e del feto, con rischio di parto pre-termine o nascita di bambini sottopeso.
    • 
Le parodontiti sono in grado di causare un aumento generalizzato delle citochine, sostanze ad attività pro-infiammatoria che provocano contrazioni uterine premature e nascita di bambini sottopeso.

    Correlazione parodontite-malattie sistemiche: come avviene

    I batteri patogeni, responsabili della parodontite possonoi penetrare all'interno dei tessuti gengivali e successivamente nel circolo ematico provocando patologie più o meno serie ad organi o apparati lontani da quello di partenza

    Chi soffre di parodontite ha valori di granulociti neutrofili circolanti e parametri infiammatori sistemici (come la proteina C reattiva) elevati rispetto alle persone sane. In particolare, quest'ultimo parametro può portare allo sviluppo di malattie ischemiche, aterosclerosi ed imperfetto controllo metabolico del diabete.

    La parodontite se non trattata è la prima causa di perdita di denti nell'adulto e quindi fonte di grave handicap e di importante deficit funzionale. In questa patologia, il normale equilibrio tra l'azione della placca batterica dentale e le difese immunitarie è alterato e porta ad un'imperfetta regolazione della risposta infiammatoria con conseguente aumento della distruzione del parodonto marginale.

    Diabete e malattie cardiovascolari

    PARODONTITE E DIABETE

    Il pazienti diabetici hanno un rischio maggiore di ammalarsi di gengivite e di parodontite.

 Recentemente è stato ipotizzato che l'associazione fra diabete e parodontite sia di tipo bidirezionale e che il controllo dei biofilm orali e dei fattori infiammatori ad essi correlati possa contribuire a migliorare il livello di controllo glicemico.

    Le citochine proinfiammatorie prodotte nei siti colpiti da parodontite favorirebbero infatti lo sviluppo di meccanismi di insulino-resistenza.

    PARODONTITE E MALATTIE CARDIOVASCOLARI

    Degli studi epidemiologici avanzati hanno messo in relazione parodontite, infarto miocardico, ictus e mortalità.

    L'associazione tra parodontite e malattie cardiovascolari è spiegata attraverso il ruolo negativo esercitato dall'infiammazione sistemica sul processo di aterosclerosi, sulla destabilizzazione delle placche ateromasiche e sulla ipercoagulabilità. L'origine del fenomeno potrebbe essere attribuita al passaggio di batteri dal cavo orale all'apparato cardiocircolatorio, con conseguenti gravi danni all'endotelio quando venga raggiunto il sistema vascolare coronarico. Alcuni marker infiammatori, come la proteina C reattiva, sono elevati sia nei pazienti con parodontite che in pazienti affetti da infarto del miocardio. Altri studi evidenziano che la correlazione parodontite e malattie cardiovascolari potrebbe essere dovuta ad una risposta autoimmunitaria causata dall'elevata somiglianza tra alcuni peptidi antigeni di origine batterica, come le proteine HSP, e le proteine umane.

    Share by: